Valeriana (Valeriana officinalis)

Caratteri botanici

La Valeriana è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Valerianaceae. Il fusto è eretto, cavo al suo interno, solcato da numerose scanalature, poco ramificato e può raggiungere il metro e mezzo d'altezza. Le radici sono costituite da un rizoma lungo fino a 30 cm, ed emanano un odore non gradevole. Le foglie sono opposte, impari pennate, provviste di 5-20 foglioline di un colore verde intenso. I fiori sono piccoli, ermafroditi (che contengono sia gli organi di riproduzione femminile che quelli maschili) bianchi o rosati raccolti in ombrelle profumate; fioriscono dalla primavera a tutta l'estate.

Coltivazione

È una pianta che si adatta a qualsiasi tipo di terreno anche se predilige terreni medio-pesanti, tendenzialmente argillosi, neutri o leggermente basici. Richiede ambienti umidi ma con terreni ben drenati. È una pianta che cresce bene sia esposta al sole che in mezza ombra. Annaffiare al bisogno.

Raccolta e conservazione

Della Valeriana si utilizza il rizoma fresco o essiccato che viene raccolto da piante di almeno due anni. Il rizoma viene pulito, lavato e lasciato essiccare all'aria.

Uso in cucina

Non trova utilizzo.