Rosmarino prostato (Rosmarinus officinalis prostatus)

Caratteri botanici

Il Rosmarino prostrato è una pianta arbustiva perenne appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. E' una particolare specie di rosmarino, caratterizzata dal portamento prostrato ricadente, piuttosto disordinato, con corteccia grigia screpolata. Si tratta di una pianta da fusti alti poco più di 20 cm. Le foglie sono persistenti, lineari, strette, coriacee, verdi sopra e bianche sotto. I fiori ermafroditi, riuniti in grappoli crescono all'ascella della foglia e sono di un color azzurro-violetto. I frutti sono degli acheni che diventano scuri quando maturi.

Coltivazione

Il terreno deve essere leggero, sciolto e ben drenato, sebbene questo tipo di pianta riesca a sopravvivere anche su terreni sabbiosi e asciutti. Nella stagione vegetativa , la pianta va innaffiata con regolarità, evitando i ristagni idrici. Le piante adulte possono sopportare lunghi periodi di siccità. Ama essere collocato in posizioni soleggiate. Non tollera il freddo pungente e l'esposizione in zone ventose. Può essere usato sia come pianta aromatica che come pianta ornamentale, come nella formazione di siepi o nella decorazione di giardini rocciosi.

Raccolta e conservazione

Il Rosmarino è meglio utilizzarlo fresco in quanto con l'essiccazione perde gran parte dei suoi principi attivi. Per la produzione degli oli essenziali si utilizzano le sommità fiorite fresche. Se viene essiccato si raccolgono le foglie e i fiori in estate, lasciandoli essiccare in un luogo asciutto, buio e arieggiato; successivamente vengono disposti in vasetti di vetro sigillati.

Uso in cucina

Questa pianta aromatica è la spezia più usata nella cucina mediterranea. È un erba insostituibile soprattutto per carni, pesci e salse. Si presta bene anche per insaporire alcuni dolci. Il Rosmarino è ottimo per aromatizzare inoltre oli e aceti.