Lavanda angustifoglia (Lavadula angustifolia)

Caratteri botanici

La Lavanda officinale è una pianta perenne sempreverde della famiglia delle Labiatae. Questo cespuglio può arrivare ad una altezza di circa un metro. Le foglie sono persistenti, opposte, lanceolate di color grigio. I fiori, molto profumati, sono riuniti in una vistosa e compatta spiga lunga fino a 6 cm di color violaceo. I frutto è un acheno trigonale.

Coltivazione

La Lavanda cresce in terreni aridi e sassosi fino a 800 metri s.l.m. Teme i ristagni d'acqua. Predilige posizioni soleggiate. Annaffiare al bisogno.

Raccolta e conservazione

I fiori della Lavanda si raccolgono in epoche diverse in base al loro utilizzo: per uso erboristico si raccolgono all'inizio della fioritura mentre per l'industria cosmetica e per la profumeria nel periodo di massima fioritura. La raccolta viene fatta raccogliendo la spiga con il suo gambo, si fanno essiccare i mazzi messi a testa in giù, in luoghi ventilati e bui in quanto il sole farebbe perdere il colore ai fiori. Quando sono secchi si separa la spiga dal gambo e si conservano i fiori in sacchetti di tela per profumare la biancheria. I fiori freschi sono utilizzati per estrarre gli oli essenziali.

Uso in cucina

In cucina, la Lavanda è poco usata. Il fiore viene però utilizzato per aromatizzare il vino bianco, l'aceto, dolci e per preparare gelatine. Molto particolare e profumato è il miele di Lavanda.