Coriandolo (Coriandrum sativum)

Caratteri botanici

È una pianta annuale della famiglia delle Ombrellifere. Presenta fusti eretti, ramificati alti fino a 50 cm. Odora di cimice. Le foglie sono suddivise, i fiori sono bianco-rosati raccolti in ombrelle. I frutti sono dei semi aromatici.

Coltivazione

La pianta del Coriandolo deve essere posizionata in un terreno fertile e in una zona soleggiata. Annaffiare al bisogno.

Raccolta e conservazione

Tagliare la pianta del Coriandolo quando i frutti sono quasi maturi e appenderla in un luogo fresco. Solo dopo essersi essiccate, le parti aeree vanno scosse delicatamente per raccoglierne i semi disidratati che verranno successivamente conservati in un recipiente di vetro.

Uso in cucina

In cucina i semi sono ideali per profumare i funghi e le verdure sotto aceto. Inoltre si abbinano a crauti, cavoli, legumi, pesce, maiale, agnello e mele al forno. I semi sono dolci e hanno un lieve sapore di limone. Macinati costituiscono uno degli ingredienti del curry. Le foglie, in Oriente, sono utilizzate al posto del prezzemolo. In Basilicata, il seme del Coriandolo viene usato per condire l'impasto della salsiccia. Le radici, nella cucina tailandese, servono per preparare un condimento assieme ad aglio e pepe.